Caricamento...

AICARM informa e aiuta i pazienti

Avete ricevuto una diagnosi di Cardiomiopatia, e ora? Le Cardiomiopatie sono malattie ancora poco conosciute e ogni caso è diverso dall’altro. Oggi esistono terapie efficaci che hanno dimostrato di poter migliorare i sintomi, prevenire o risolvere le complicazioni, ed aumentare la sopravvivenza e la qualità della vita della maggioranza dei pazienti con Cardiomiopatia. Per questo è importante informarsi da chi le conosce bene. AICARM è un’associazione di medici, infermieri, pazienti e benefattori che nasce dalla lunga esperienza di ricerca e assistenza maturata a Firenze in questo campo. Nel sito della nostra associazione troverete informazioni, documenti su studi e ricerche in corso, potrete leggere e ascoltare le storie e le esperienze di altri pazienti. Se pensate di avere bisogno di aiuto, contattateci.

Sostieni Aicarm con una donazione

Iniziate qui

Le risposte alle domande più frequenti sui sintomi, gli esami, le complicanze e molto altro.

Leggi tutto

Quali stili di vita, alimentazione e attività fisica sono raccomandati o consigliati in caso di Cardiomiopatia.

Leggi tutto

Nel 1972 inizia a Firenze il progetto che porterà alla Unit Cardiomiopatie della AOUC di Careggi. Leggi l’esperienza di Firenze che ha dato vita anche a AICARM e le storie raccontate da alcuni pazienti assistiti.

Leggi tutto

Se avete bisogno di chiarimenti o avete bisogno di aiuto, contattateci. Saremo lieti di offrire il nostro contributo.

Leggi tutto

Le ultime novità e scoperte per la terapia delle Cardiomiopatie.

Leggi tutto

CARDIOMIOPATIE

NOTIZIE AICARM

Rinnovo della patente: caos normativo e costi, un incubo per i pazienti

Rinnovo patenti di guida: per chi ha un defibrillatore sottocutaneo è il caos. La Commissione patenti speciali si attiene a linee guida rigidissime approvate dall’associazione dei medici legali Asl, peraltro mai fatte proprie dalla Regione Toscana.

Gli effetti della pandemia: l’angoscia dei giovani in cerca di un nuovo equilibrio

Investiti da immagini di malattia e morte reale, paura di diventare strumenti di contagio per le persone care: la vita psichica degli adolescenti è stata sottoposta a uno stress senza limiti nella pandemia. E i loro comportamenti reali sono ben lontani dallo stereotipo talvolta diffuso dai media: violenti, incoscienti e menefreghisti. Guendalina Rossi, psichiatra e psicoterapeuta - due studi professionali, uno a Firenze e l’altro ad Arezzo - ci parla della loro difficile realtà di vita e della loro invisibilità, che spicca nella spirale di sofferenza che ha coinvolto tutti quanti.

Iscriviti alla Newsletter di AICARM

Leggi la nostra informativa sul trattamento dei dati Privacy Policy

Torna in cima